Stampa

ALUBERG DI BAGNATICA, SALTA LA TRATTATIVA PER L’ACCORDO AZIEDALE. ASSEMBLEA E SCIOPERO SUBITO DOPO L’INCONTRO DI OGGI POMERIGGIO

on .

Bergamo, giovedì 4 ottobre 2018

Il confronto con l’azienda è durato solo quindici minuti: dopo una trattativa che ha visto una decina di incontri negli ultimi sette mesi, oggi alla Aluberg di Bagnatica avrebbe dovuto essere il giorno della firma dell’accordo per l’integrativo aziendale.

“Nel penultimo incontro di lunedì eravamo andati davvero vicino alla firma, ecco perché oggi ci aspettavamo la conclusione positiva delle trattative” spiega Fabio Mangiafico della FIOM-CGIL di Bergamo. “Invece, attorno alle 17 di oggi, durante quello che pensavamo fosse l’ultimo confronto con la direzione aziendale, ci è stato comunicato che tutte le disponibilità fino a quel momento manifestate venivano ritirate, salvo poche questioni che non rappresentano il cuore della nostra piattaforma rivendicativa. In sostanza le trattative sono state interrotte. Sul premio di risultato e anche su alcuni aspetti normativi non c’è stato accordo”.

Immediatamente è stato proclamato uno sciopero e si è tenuta una prima assemblea con i lavoratori del turno pomeridiano: “Abbiamo incontrato una quarantina di dipendenti, domani e lunedì si terranno altre assemblee per informare tutti e per definire nuove azioni di lotta”.

L’azienda opera nel settore della trasformazione di film di alluminio per l’industria alimentare e per quella farmaceutica. “E’ una realtà in ottima salute: è passata in 5-6 anni da 80 dipendenti ai 136 attuali (a cui va aggiunta un’altra ventina di interinali) e tra il 2016-2017 ha avuto un fatturato di circa 80 milioni di euro con un margine operativo lordo di circa 8 milio” conclude Mangiafico.